Campobello. Due rotatorie per la messa in sicurezza della S.P. 51 che collega il centro urbano con le frazioni

La Giunta ha approvato il progetto esecutivo. Opere per 508mila euro cofinanziate dal Comune

REDAZIONE, 07 MAR – Due rotatorie saranno realizzate lungo la provinciale che collega Campobello a Tre Fontane e Torretta Granitola al fine di migliorare la sicurezza stradale in due dei nodi più ad alto rischio della rete viaria cittadina. La Giunta comunale guidata dal sindaco Giuseppe Castiglione, con propria deliberazione, il 26 febbraio scorso, ha infatti approvato il progetto esecutivo delle due importanti opere, che in particolare saranno realizzate in corrispondenza del bivio con le Cave di Cusa e di quello con Torretta Granitola, che negli anni sono stati scenario di numerosi drammatici incidenti, confermando l’impegno di spesa di 508mila euro.

Tale somma sarà in parte finanziata con fondi provenienti dal Piano Nazionale Sicurezza Stradale (217mila euro), mentre la restante parte (pari a 291mila euro) sarà finanziata dal Comune di Campobello mediante l’impiego di fondi provenienti da residui di mutui stipulati con la Cassa Depositi e Prestiti.

Il progetto è stato redatto dall’ing. Valerio Manta, tecnico esterno incaricato dal Comune durante la passata Amministrazione. Responsabile unico del procedimento è, invece, l’arch. Francesco Di Stefano, tecnico comunale.

«Finalmente – afferma il sindaco Giuseppe Castiglione – dopo un iter molto travagliato a causa di problematiche di natura finanziaria, siamo riusciti a reperire le somme necessarie per la realizzazione di queste importanti infrastrutture, che ci consentiranno a breve di mettere in sicurezza una delle arterie stradali più trafficate e rischiose di Campobello. Non appena riceveremo il decreto di finanziamento da parte dell’assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, saremo in grado di procedere in tempi brevi all’appalto dei lavori. Oltre al fondamentale ruolo svolto dalla mia Amministrazione, mi è d’obbligo riconoscere anche un grande merito all’ex assessore Domenico Accardo, che all’epoca dell’Amministrazione Caravà si era fatto promotore dell’iniziativa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *