Mazara. Chiusura della discarica di Siculiana: Nuova emergenza rifiuti?

Cristaldi “La Regione ci dica dove conferire i rifiuti”

REDAZIONE, 06 MAR – “Dallo scorso 2 marzo la nostra Città è nuovamente alle prese con problemi nel conferimento dei rifiuti in quanto l’impianto di Siculiana ha prima limitato l’ingresso dei mezzi per effetto dell’Ordinanza del Presidente della Regione n. 02 rif del 28 febbraio e ieri il gestore della discarica ha comunicato la chiusura dell’impianto. Nei giorni scorsi abbiamo registrato uno sfalsamento nel servizio di raccolta in quanto i mezzi sono pieni, per l’impossibilità di conferire regolarmente i rifiuti in discarica; la situazione rischia di aggravarsi e se Siculiana non riaprirà in tempi brevi o se la Regione non ci indicherà un luogo alternativo dove conferire i rifiuti”.

Lo ha detto il Sindaco di Mazara del Vallo on. Nicola Cristaldi, annunciando l’invio al Presidente della Regione di una nota di richiesta con carattere d’urgenza delle autorizzazioni necessarie, con individuazione di un sito o più siti di conferimento rifiuti al fine di poter raccogliere e smaltire i rifiuti giacenti per strada, sui mezzi di raccolta, oltre che la produzione giornaliera degli stessi.
Considerati i disagi nel conferimento dei rifiuti, a partire dal 2 marzo, in questo momento sono giacenti in strada circa 120 tonnellate di rifiuti e 5 compattatori sono pieni in attesa di scaricare i rifiuti (60 tonnellate) che sono destinati ad aumentare se non si risolve la situazione ovvero venga individuato altro sito di conferimento.

Nella nota il Sindaco sottolinea che “le criticità si stanno concretizzando proprio nel momento in cui questa Amministrazione sta adottando tutte le misure, per altro con investimenti consistenti, per aumentare nel più breve tempo possibile la raccolta differenziata, ed è in atto il cronoprogramma che prevede l’introduzione della raccolta differenziata con il sistema del “porta a porta” da parte del gestore dei servizi di raccolta rifiuti ARO (gara a cura dell’UREGA)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *