Marsala. Stravince la testimone di giustizia “senza volto” del M5S

Piera Aiello ha ottenuto oltre il 51% delle preferenze nel collegio uninominale in cui era candidata. I suoi simpatizzanti non hanno mai potuto avvicinarla. Ora sarà presente in Parlamento con le dovute cautele

Fino all’ultima uscita pubblica Piera Aiello era inavvicinabile: attorno a lei il servizio di sicurezza aveva alzato un muro invalicabile. Ha vissuto così per 26 anni, immersa nell’anonimato in una località segreta. Ora potrà mostrarsi in Parlamento ma con tutte le cautele del caso. La storia di Piera Aiello, vedova del figlio di un boss e cognata della collaboratrice Rita Atria morta suicida, è quella di una donna che si è ribellata alla mafia denunciandone traffici, affari e delitti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *